V-FIDES: il veicolo subacqueo del futuro

Veicolo Filoguidabile per l’Identificazione, la Detenzione e l’ Esplorazione Subacquea. E’ questo il nome del nuovo veicolo subacqueo nato dalla collaborazione tra la Regione Toscana, la Wass (Whitehead Alenia Sistemi Subacquei) e la Kayser Italia srl.

0
4082

Veicolo Filoguidabile per l’Identificazione, la Detenzione e l’ Esplorazione Subacquea. E’ questo il nome del nuovo veicolo subacqueo nato dalla collaborazione tra la Regione Toscana, la Wass (Whitehead Alenia Sistemi Subacquei) e la Kayser Italia srl.

Si tratta di un progetto caratterizzato dalla possibilità di lavorare sia come veicolo autonomo AUV (Autonomous Underwater Vehicle), che come veicolo a controllo remoto ROV (Remote Controlled Vehicle). Le mansioni in cui V-FIDES potrà essere impiegato sono diverse:

  • Esplorazione del fondale
  • Monitoraggio ambientale
  • Monitoraggio di impianti civili
  • Nodo mobile per comunicazioni subacquee
  • Semplici operazioni robotiche (pulizia, micro carotaggio, campionamento)
V-FIDES,closeupengineering
V-FIDES_infonotizie.com

V-FIDES è dotato di un sistema ECV (Elettronica Controllo Veicolo), caratterizzata da un’architettura modulare che conferisce al veicolo un efficiente supporto alle varie configurazioni di missione. Inoltre Kayser Italia ha sviluppato un sistema, il PDM (Power Distribution Module), in grado di gestire, convertire e distribuire la potenza ai vari sottosistemi. Grazie al PDM si ottiene una diminuzione del consumo totale del veicolo con conseguente possibilità di incrementare la durata delle missioni. Sarà inoltre implementato un continuo monitoraggio dei consumi dei diversi sottosistemi che, in caso di bisogno, potranno essere singolarmente isolati, permettendo la continuazione della missione anche in caso di danno parziale al veicolo.

La prima prova in vasca del progetto V-FIDES si è tenuta lo scorso 21 maggio nello stabilimento Wass di Livorno. Durante la prova si è registrata l’ottimale accensione dei sette motori di cui il veicolo è dotato, sia singolarmente che collettivamente. Seppur attaccato ad un carroponte, il veicolo ha anche effettuato degli spostamenti durante la prova. Le prossime prove saranno effettuate in mare e serviranno a testare la stabilità della batteria e le prove di bilanciamento, al fine di valutare l’affidabilità del veicolo.

V-FIDES_credits:finmeccanica.com

LASCIA UN COMMENTO