Cos’è l’Ingegneria Navale e Marittima?

L’Ingegneria Navale è quella branca dell’ingegneria che si occupa della progettazione dei mezzi navali e del loro mantenimento durante la loro vita operativa.

0
5822

L’Ingegneria Navale è quella branca dell’ingegneria che si occupa della progettazione dei mezzi navali e del loro mantenimento durante la loro vita operativa. Essa estende il suo impiego in diversi settori della cantieristica: mercantile, militare, diporto, off-shore. Questa distinzione è di particolare importanza ai fini della progettazione, poiché questa varia nel tipo di impianti, di strutture e di materiali utilizzati a seconda dell’impiego cui l’oggetto del progetto è destinato.

Nell’ingegneria navale si possono distinguere tre rami principali: l’architettura navale, la propulsione e l’allestimento e la costruzione navale.

L’architettura navale è quella disciplina che si occupa di studiare le caratteristiche idrodinamiche dei mezzi navali, al fine di ottimizzarne la forma per ridurre la resistenza al moto.

Il ramo inerente la propulsione e l’allestimento si occupa della scelta dei motori principali, delle macchine e di tutti gli impianti necessari all’operatività e alla messa in sicurezza del mezzo navale.

Infine il dimensionamento delle strutture e la scelta dei materiali in funzione dei carichi cui il mezzo navale sarà soggetto durante tutta la sua vita operativa è l’oggetto di studio della costruzione navale.

L’Ingegneria Navale è un branca molto importante dell’ingegneria, poiché essa verte il suo studio su quello che è un settore strategico cruciale per ogni Stato. Il trasporto via mare, infatti, riveste un ruolo di fondamentale importanza nell’economia mondiale: esso permette di trasportare materie prime, minerali o anche prodotti finiti in volumi molto più grandi rispetto a qualsiasi altro mezzo terrestre o aereo, in modo sicuro e in ogni parte del mondo.

Tra le materie alla base degli studi di ingegneria navale abbiamo:

  • la geometria dei galleggianti, che è lo studio del galleggiante nelle sue parti e configurazioni;
  • l’idrodinamica, che è il settore della fisica che studia il comportamento dei fluidi;
  • la statica delle navi;
  • la scienza delle costruzioni e costruzioni navali;
  • la meccanica applicata alle macchine e macchine.

Inoltre essendo un ramo dell’ingegneria industriale si basa anche sullo studio di materie quali:

  • Fisica tecnica;
  • Scienze e tecnologie dei materiali;
  • Economia applicata all’ingegneria;
  • Elettrotecnica;
  • Fondamenti di informatica;
  • Meccanica razionale;

tutte materie fondamentali che applicano in pratica i principi dell’analisi matematica, della fisica e della chimica nella realtà tecnica dei mezzi navali/nautici.

Sempre in ambito marino -ma con diverse finalità- si distingue l’Ingegneria Marittima e Costiera che utilizza criteri, metodi e tecnologie innovative per la progettazione e la realizzazione di infrastrutture fluviali e marittime, di opere per la difesa e la gestione delle coste, di interventi nell’ambito della protezione e dell’uso sostenibile dell’ambiente marino.

 

 

LASCIA UN COMMENTO